Methotrexate: efficacia e tollerabilità nella malattia di Crohn refrattaria


N. C. Suares; P. J. Hamlin; D. P. Greer; L. Warren; T. Clark; A. C. Ford


Studi randomizzati controllati dimostrano che il methotrexate come immunosoppressore di prima linea è efficace nell'indurre la remissione e prevenire le ricadute nella malattia di Crohn (malattia di crohn) , ma i dati di efficacia dopo il fallimento o intolleranza di terapia con tiopurine sono limitati.


Obiettivi

Segnalare l'efficacia del methotrexate in una coorte di pazienti con malattia di Crohn refrattaria, molti dei quali non avevano risposto, o erano intolleranti, alla terapia con  tiopurine (azatioprina  e 6mercaptopurina).

Sono stati raccolti I dati di pazienti trattati con methotrexate per malattia di crohn attiva. La risposta alla terapia di induzione con methotrexate a 4 mesi, e il beneficio clinico al punto di follow-up con la terapia di mantenimento, sono stati esaminati attraverso la valutazione globale del medico. Sono stati esaminati, mediante l'analisi univariata e multivariata, i fattori demografici e le concomitanti malattie per predire la risposta, o il perdurare del beneficio clinico.

 

Risultati

Sessantasei pazienti [38 (54%) pazienti di sesso femminile, età media 29,4 anni alla diagnosi] hanno ricevuto methotrexate tra il 2001 e il 2010,

61 (92%) dei quali hanno ricevuto il farmaco per via parenterale.

Sessanta pazienti avevano fallito, o erano intolleranti, alla terapia con tiopurine.

Una risposta alla terapia a 4 mesi è stata verificata in 54 (82%) pazienti.

Tuttavia, al punto dell'ultimo follow-up, il mantenimento della remissione si è ottenuto in soli 19 (29%) pazienti

tra cui sei pazienti che hanno interrotto il farmaco per motivi di pianificazione familiare.

Nessun predatore di risposta o mantenimento della remissione è stato identificato.

Gli eventi avversi si sono verificati in 20 (30%) pazienti.

 

Conclusioni

Questi dati suggeriscono che il methotrexate è efficace in termini di risposta iniziale nei pazienti con malattia di Crohn che hanno fallito, o che sono intolleranti alla terapia con tiopurine.

Tuttavia, l'efficacia non è sostenuta a lungo termine.

 

fonte "medscape 23 gennaio 2012"

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin